Annegare Sembra Non Annegare

Post image for Annegare Sembra Non Annegare

by Mario on August 13, 2010

in Water Safety

Translations: - English –  汉语 - tiếng ViệtEspañolFrançaisPortuguêsromânăDeutschSuomiSvenska –  ČeštinaРусско -ÍslenskaAudio Version

Il nuovo marinaio salta dal pozzetto, completamente vestito, e si mette a nuotare a tutta velocità. Grazie all’esperienza acquisita come bagnino, tiene gli occhi fissi sulla vittima puntando in direzione dei proprietari che nuotano nel tratto di mare fra il loro yacht ancorato e la spiaggia. ” Secondo me pensa che tu stia affogando” il marito dice alla moglie. Poco prima avevano giocato a spruzzarsi e lei aveva urlato ma ora sono semplicemente fermi con l’acqua sino al collo. “E’ tutto a posto. Ma cosa sta facendo?” domanda lei, un po’ infastidita. “Non c’è nessun problema!” grida il marito, facendo cenno di tornare indietro, ma il marinaio continua a nuotare a tutta velocità. “Toglietevi di mezzo” urla, passando come un fulmine in mezzo all’attonita coppia. Proprio dietro di loro, a mala pena a tre metri di distanza, la figlia di nove anni sta affogando. Al sicuro, fra le braccia del marinaio, scoppia a piangere, “Papà!”.

Com’e’ possibile che il marinaio, da più di 15 metri di distanza, sia stato in grado di percepire un pericolo che il padre della bambina non aveva colto da una distanza di appena 3 metri?

L’annegamento, al contrario di quanto generalmente si crede, non si manifesta in una violenta richiesta di aiuto fra mille spruzzi. Il marinaio era stato addestrato da esperti in materia e da anni di esperienza a riconoscere i segni dell’annegamento; il genitore invece ne conosceva la dinamica dai film visti in TV. Se si lavora a contatto con l’acqua, come capita a tutti noi bagnini, bisogna sapere bene quali segni tenere sotto controllo quando qualcuno entra in acqua. Prima di pronunciare fra le lacrime “Papà”, la bambina non aveva emesso alcun suono. Data la mia passata esperienza da soccorritore della Guardia Costiera (Coast Guard rescue swimmer), questo racconto non mi ha affatto sorpreso. Annegare e’ infatti nella maggior parte dei casi un evento pericolosamente tranquillo. Nella realtà raramente si assiste alle grida e ai movimenti convulsi fra onde e schizzi che la televisione ci ha abituato ad associare all’annegamento.

The Instinctive Drowning Response (la Risposta istintiva all’affogamento) così definita da Francesco A. Pia (PhD) e’ ciò che si fa per evitare un reale o percepito tale soffocamento in acqua. E questo istinto non si manifesta come ci si aspetterebbe. Ci sono pochissimi spruzzi, nessun’onda, nessun grido o richiesta di aiuto di alcun genere. Giusto per avere un’idea di quanto l’annegamento appare tranquillo e poco drammatico dalla superficie, considerate solo i seguenti dati: 1) è la seconda causa di morte accidentale nei giovani sotto i 15 anni d’età (seconda solo agli incidenti stradali); 2) dei circa 750 bambini che annegherà nel prossimo anno, circa 375 di questi lo farà entro 25 yards (ca. 22 metri) da un genitore o un adulto. Per il 10 % di questi casi, l’adulto li vedrà letteralmente affogare senza avere un’idea di quello che sta succedendo (fonte: CDC). Affogare non si manifesta come affogare – Dr. Pia, in un articolo pubblicato in Coast Guard’s On Scene Magazine, descrive la ‘risposta istintiva all’affogamento’ in questo modo:

• Ad eccezione di rari casi, le persone che stanno annegando sono fisiologicamente incapaci di chiedere aiuto. L’apparato respiratorio e’ preposto alla respirazione; l’articolazione di suoni è una funzione secondaria o ulteriore. Perché si possa parlare è necessario che, prima, siano compiute tutte le fasi della respirazione
• La bocca di una persona che sta annegando e’ ad intermittenza sotto e sopra il livello dell’acqua. In questo modo la bocca non sta fuori dall’acqua il tempo necessario per espirare, inspirare e chiedere aiuto. Per il tempo in cui la bocca e’ fuori dall’acqua, e’ possibile solo espirare e inspirare rapidamente prima di essere nuovamente sommersa.
• Una persona che sta annegando non può agitare le braccia per richiamare l’attenzione. L’istinto naturale lo spinge ad estendere le braccia lateralmente e premere dall’alto verso il basso la superficie dell’acqua. In questo modo riesce a far leva sul corpo e a tenere la bocca fuori dall’acqua per respirare.
• Per azione della ‘risposta istintiva all’affogamento’ (Instinctive Drowning Response) la persona in questione non può controllare volontariamente i movimenti delle braccia. Fisiologicamente le persone che stanno annegando e che fanno fatica a restare in superficie non riescono a bloccare l’annegamento e a fare volontariamente movimenti come agitare le braccia, avvicinarsi a un soccorritore o allungarsi per afferrare un’attrezzatura di salvataggio.
• Per tutta la durata dell’Instinctive Drowning Response, il corpo rimane verticale dentro l’acqua, senza che le gambe si muovano per aiutare il galleggiamento. Se non viene soccorso da un bagnino addestrato, questa persona riuscirà a fatica a stare in superficie dai 20 ai 60 secondi prima che sia sommersa.

(Fonte: On Scene Magazine: Fall 2006)

Questo non significa che una persona che chiede disperatamente aiuto e che si dimena non sia in pericolo: sta certamente provando uno stress acquatico. Questo, che non sempre precede l’Instinctive Drowning Response, non dura molto; diversamente da chi sta veramente annegando la persona affetta da stress acquatico e’ in grado di collaborare durante il soccorso: può infatti afferrare una sagola di salvataggio, un salvagente ecc. Bisogna assicurarsi che non si presentino questi altri sintomi tipici dell’annegamento quando la gente è in acqua:

• Testa bassa nell’acqua, bocca a livello dell’acqua.
• Testa riversa indietro con la bocca aperta
• Occhi vitrei e persi nel vuoto, incapaci di mettere a fuoco
• Occhi chiusi
• Capelli sulla fronte o sugli occhi
• Gambe ferme – verticali
• Iperventilazione o respiro ansimante
• Tentativo di nuotare in una certa direzione ma senza progredire
• Tentativo di assumere una posizione supina
• Movimento simile a quello di chi sale una scala a pioli, raramente fuori dall’acqua.

Quindi se un membro dell’equipaggio cade fuori bordo e tutto sembra normale – non siatene troppo sicuri. Alcune volte è sintomatico in una persona che sta annegando che questo non sia evidente. Può infatti sembrare che si stia tenendo a galla e stia guardano in alto verso il ponte. Un modo per assicurarsi che sia tutto a posto è domandargli se va tutto bene; se la persona in acqua risponde in qualche modo vuol dire che è verosimilmente così. Se invece ha uno sguardo fisso – potreste avere meno di 30 secondi per raggiungerlo. Genitori, i bambini che giocano nell’acqua sono rumorosi. Se diventano troppo silenziosi, è meglio verificare il motivo di tanta quiete.

Please shareShare on Facebook158Tweet about this on Twitter1Share on LinkedIn0Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on Reddit0Email this to someone

Previous post:

Next post: